La Storia del Padel - MADBOX PADEL
122
page-template-default,page,page-id-122,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-10.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

LA STORIA DEL PADEL

La storia del padel è davvero una storia curiosa: inizia a diffondersi intorno agli anni ’70 in Messico, ma nasce quasi per errore!

Un cittadino messicano benestante, aveva scelto di dotare la sua residenza di un campo da tennis con cui giocare con gli amici; lo spazio a disposizione per la realizzazione del campo, però, si rivelò insufficiente, e non fu quindi possibile crearne uno di dimensioni regolamentari. Inoltre, dato che era circondato da elementi in muratura, il proprietario decise di “circondarlo” con una struttura di pareti in cemento e rete metallica per impedire che la pallina uscisse dal campo e si perdesse chissà dove.

Così, quel campo da tennis così bizzarro, diede l’opportunità ad un nuovo sport di prendere vita.la storia del paddle/campi da paddle

Nonostante debba i suoi natali al Messico, il padel si è evoluto e sviluppato prevalentemente in Spagna. Precisamente a Marbella, dove il proprietario di un hotel, rimasto affascinato dall’idea, fece montare un campo nella sua struttura.

Progressivamente, il gioco cominciò a convertirsi in un vero e proprio sport e a diffondersi in vari paesi: dall’Argentina (dove i giocatori sono ormai qualche milione) alla Spagna – paese d’adozione con migliaia di giocatori – alla Francia, agli Usa, al Brasile.

In Italia la Federazione Italiana Gioco Paddle (FIGP) è nata nel febbraio 1991, mentre dal 2008 il padel, secondo il riconoscimento del CONI, è entrato a far parte della FIT, la Federazione Italiana Tennis.

La storia del padel in Italia è quindi storia recente, ma con una grandissima espansione negli ultimi anni e stime più che ottimistiche per scrivere nel futuro di questo sport i colori azzurri.